CALDO, PARTE RACCOLTA DELLE MELE (+5%), BUONE MA PIU’ PICCOLE E SBIADITE

CALDO, PARTE RACCOLTA DELLE MELE (+5%), BUONE MA PIU’ PICCOLE E SBIADITE

La prima ad essere staccata sarà una Gala, la varietà più precoce. L’andamento del raccolto varia lungo la Penisola, visti anche i problemi causati da siccità e maltempo in alcune regioni del Nord. In Alto Adige, dove si raccoglie quasi metà delle mele Italiane, la produzione è in calo (-3%) a circa 912mila tonnellate, trend in discesa (-1%) anche per il Trentino con 507mila tonnellate, mentre si registrano incrementi importanti in altre regioni: +47% in Veneto con 215mila tonnellate, +21% in Lombardia con 23mila tonnellate, +20% in Piemonte con 225mila tonnellate e +12% in Emilia Romagna con 175mila tonnellate.

La raccolta delle mele in Italia è stimata quest’anno, nonostante il caldo, in aumento del 5% rispetto allo scorso anno, per oltre i 2,1 milioni di tonnellate, La mela è il frutto più consumato nel nostro Paese.

L’Italia si classifica così al secondo posto tra i paesi produttori dell’Unione Europea dove la produzione è stimata in 12,2 milioni di tonnellate in calo dell’1% rispetto allo scorso anno, con in testa la Polonia con poco meno di 4,5 milioni di tonnellate in crescita del 5%, mentre al terzo posto dietro all’Italia si piazza la Francia con circa 1,5 milioni tonnellate (+6%).

Con le continue ondate di caldo di questa estate rovente e temperature sempre alte anche di notte – evidenzia Coldiretti – i frutti rischiano scottature e in più faticano a prendere il classico colore rosso brillante di alcune varietà, soprattutto sugli alberi molto esposti al sole, facendo perdere una delle caratteristiche di scelta per l’acquisto da parte dei consumatori. La siccità e il caldo hanno poi in parte ridotto le dimensioni delle mele rispetto agli anni passati, mala qualità è invece cresciuta, con frutti più dolci e succosi.

L’Italia può vantare un’ampia gamma varietale nell’offerta di mele grazie al rilevante patrimonio di biodiversità lungo tutta la Penisola con ben 6 mele italiane a denominazione di origine riconosciute dall’Ue: Mela Val di Non Dop, Mela Alto Adige Igp, Mela del Trentino Igp, Melannurca Campana Igp, Mela Valtellina Igp, Mela Rossa Cuneo Igp. Dal punto di vista delle varietà in Italia calano i raccolti della Golden Delicious (-5%), delle Fuji (-3%), delle Jonagold (-18%) e delle Braeburn (-15%), crescono invece le Red Delicious (+7%), le Granny Smith (+18%) e le Gala (+2%).

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

DA MARTEDÌ 20 SETTEMBRE IL CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES A MARSALA

DA MARTEDÌ 20 SETTEMBRE IL CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES A MARSALA

EVENTI ESTREMI, IL CONSUMO DEL SUOLO AUMENTA LA FRAGILITÀ DLE TERRITORIO

EVENTI ESTREMI, IL CONSUMO DEL SUOLO AUMENTA LA FRAGILITÀ DLE TERRITORIO

EXPORT: VOLA OLIO ITALIANO NEL MONDO CON +23%

EXPORT: VOLA OLIO ITALIANO NEL MONDO CON +23%

CAMPAGNA 2022/23, PRODUZIONE DECIMATA DI OLIO D’OLIVA E OLIVE DA TAVOLA

CAMPAGNA 2022/23, PRODUZIONE DECIMATA DI OLIO D’OLIVA E OLIVE DA TAVOLA

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Green Telling Channel

GREEN TELLING CHANNEL

Meteo