LATTE, CRESCERÀ LA PRODUZIONE (+10/15%), ITALIA VICINA ALL’AUTOSUFFICIENZA, SERVONO NUOVI MERCATI…

LATTE, CRESCERÀ LA PRODUZIONE (+10/15%), ITALIA VICINA ALL’AUTOSUFFICIENZA, SERVONO NUOVI MERCATI…

Negli ultimi cinque anni la produzione di latte vaccino in Italia è significativamente aumentata, superando i 12,6 milioni di tonnellate nel 2020 (+13,4% rispetto al 2015, + 4,4% tra il 2020 e il 2019). La maggior parte dell’incremento produttivo si è realizzato nelle regioni del Nord Italia (Lombardia +19%, Emilia Romagna +15%, Veneto + 6,0%, Piemonte +15%), ma anche in alcune regioni del Mezzogiorno (Puglia +12%, Sicilia e Basilicata +11%, Calabria +17%). A fronte dell’aumento delle consegne di latte (+13% nell’ultimo quinquennio), il prezzo alla stalla del latte nazionale è mediamente aumentato del 3% tra il 2015 e il 2020.
Nei prossimi cinque anni la produzione di latte bovino in Italia aumenterà ancora del 10-15%, con un tasso di variazione medio annuo del 2-3%, destinato a proseguire fino al 2030, per poi affievolirsi nei decenni successivi. È la previsione sulla produzione del latte bovino in Italia realizzata da Ismea, commissionato da Alleanza Cooperative Agroalimentari, presentato a Verona nell’ambito della terza edizione del Dairy Summit, gli stati generali della filiera lattiero-casearia.


In conseguenza della maggiore disponibilità di materia prima nazionale, le importazioni di latte dall’estero dovrebbero subire una contrazione dell’8% in volume, considerando anche la maggiore disponibilità di materia prima nazionale e il calo della domanda interna. Ottimistiche anche le previsioni sulle esportazioni, +25% in volume nei prossimi cinque anni. Nel report di Ismea delineate poi le stime sulla produzione di latte bovino nazionale: l’Italia raggiungerà l’autosufficienza teorica in termini di materia prima in pochissimi anni, (oggi è ferma all’80%).
Che fare quindi? A questa domanda risponde Giovanni Guarneri, coordinatore settore lattiero-caseario di Alleanza Cooperative Agroalimentari: “Affinché il significativo aumento della produzione di latte a livello nazionale sia sostenibile da un punto di vista economico la filiera dovrà affidarsi ad una strategia che punti, da un lato, a sviluppare nuovi canali commerciali aumentando l’export dei prodotti caseari (anche in considerazione delle prospettive di crescita della domanda mondiale) e, dall’altro, riesca ad individuare e implementare nuovi segmenti di mercato con destinazioni alternative della materia prima latte.”

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

VERONAFIERE, ASSEMBLEA DEI SOCI: FEDERICO BRICOLO ELETTO NUOVO PRESIDENTE

VERONAFIERE, ASSEMBLEA DEI SOCI: FEDERICO BRICOLO ELETTO NUOVO PRESIDENTE

VINO, A RENDE (CS) IL CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES, DAL 19 AL 22 MAGGIO

VINO, A RENDE (CS) IL CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES, DAL 19 AL 22 MAGGIO

IL PIATTO DEL DOGE, TORNA DA DOMENICA LA FESTA PER CELEBRARE LO STORICO “BISO” DI COLOGNOLA AI COLLI (VR)

IL PIATTO DEL DOGE, TORNA DA DOMENICA LA FESTA PER CELEBRARE LO STORICO “BISO” DI COLOGNOLA AI COLLI (VR)

LOTTA ALLA SICCITÀ, ECCO I SISTEMI “HIGH TECH”

LOTTA ALLA SICCITÀ, ECCO I SISTEMI “HIGH TECH”

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Green Telling Channel

GREEN TELLING CHANNEL

Meteo