MALVASIA E VENEZIA, UN PROGETTO INTERNAZIONALE

MALVASIA E VENEZIA, UN PROGETTO INTERNAZIONALE

Esiste un legame antico fra la Serenissima Repubblica di Venezia e quel vino denominato “malvagìa o marvasiae” diventato un grande vitigno diffuso in tutta Europa, oggi coltivato in 30 località sparse nel mondo, di cui almeno 17 in Italia? Senza la Serenissima oggi il vitigno e il vino Malvasia non esisterebbero. Venezia, è stato detto dai presenti, può assumere il titolo di simbolo-emblema per raccontare il mondo produttivo dei vini “malvasiae”.


“Tutti i vitigni di Malvasia oggi esistenti (circa 30 nel mondo), ricorda Gianpiero Comolli – presente assieme a da Ettore Bonalberti e Mario Guadalupi di AIKAL, Michele Giannini e Stefano Soligo di Veneto Agricoltura, Giustino Mezzalira V.Presidente e Danilo Gasparini (Pres. CTS), nella prestigiosa Biblioteca La Vigna di Vicenza, dove si è tenuto l’incontro -, hanno genomi e Dna direttamente derivanti dal ceppo dei ‘muskat’ anatolici-caucasici-mesopotamici, come ci insegna il Prof. Attilio Scienza”.
Per questo parliamo di Malvasia?
“Si, questa è la dimostrazione pratica di come la natura, il tempo, i luoghi, i terreni, i climi sono intervenuti sulla base cromosomica e genomica originaria modificandola nel tempo con l’aiuto fondamentale dell’uomo. Questo è il vero tema di questo progetto: quanto la Vitis Vinifera sia da tutelare per quanto ha dato al mondo ampelografico ed enologico. Per esempio, continua Comolli già produttore di Malvasia e Presidente del centro analitico CevesUni e dell’Osservatorio economico Ovse, al tempo di Leonardo da Vinci esisteva solo il ‘vino marvagia o malvasiae’ veneziano, non il vitigno. È una delle cultivar che più si è adattata e mutata naturalmente nei millenni di coltivazione, portando con se caratteri solidi della Vitis Vinifera che non vanno persi, proprio con la ricerca della resistenza. Venezia e la Serenissima Repubblica, sono stati il baricentro della conoscenza e della diffusione del vino Malvasia nel mondo. Un vino di pregio a un costo molto superiore ad altri, talmente noto da dare nome a calli e alle esclusive botteghe “malvagie” veneziane. Come detto, un vitigno derivante dalla grande famiglia viticola dei ‘muskat’, riconosciuto ampelograficamente e denominato in diverse varietà solo agli inizi dell’800”.


Concretamente, durante l’incontro Ettore Bonalberti ha presentato il progetto diviso in tre momenti: il seminario aperto; uno sviluppo etnografico scientifico del vitigno e vino “Malvasia”; un evento fisso che coinvolga la produzione dell’intero bacino mediterraneo. Si è accennato anche alle nuove figure dei viti-cultori del terzo millennio in considerazione dell’attualità e delle diverse prospettive generazionali. Ad esempio, oggi in Veneto sono solo 73 gli ettari coltivati con viti di Malvasia, ha ricordato Stefano Soligo.

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

FINO AL 22 MAGGIO, IN BICI LA SETTIMANA NAZIONALE DELLA BONIFICA 2022

FINO AL 22 MAGGIO, IN BICI LA SETTIMANA NAZIONALE DELLA BONIFICA 2022

14-15 MAGGIO, 19^ “GIARDINI E PAESAGGI APERTI 2022”

14-15 MAGGIO, 19^ “GIARDINI E PAESAGGI APERTI 2022”

ASSEMBLEA PROSECCO DOC, UNANIMITÀ PER CONSOLIDARE IL FUTURO

ASSEMBLEA PROSECCO DOC, UNANIMITÀ PER CONSOLIDARE IL FUTURO

BANDIERE BLU 2022, PRIMA LA LIGURIA, IN EVIDENZA LA CALABRIA

BANDIERE BLU 2022, PRIMA LA LIGURIA, IN EVIDENZA LA CALABRIA

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Green Telling Channel

GREEN TELLING CHANNEL

Meteo