VIGNETO E SOSTENIBILITÀ NELLA DOC PROSECCO

VIGNETO E SOSTENIBILITÀ NELLA DOC PROSECCO

Scienza e tecnologia sono in grado di supportare il mondo agricolo nella ricerca della sostenibilità? Domanda quasi pleonastica, alla quale è obbligatorio dare risposta positiva, oggi più che mai quando, oltre ad essere una necessità acclarata, è il consumatore stesso a porla con sempre maggior consapevolezza. Il tema è stato approfondito nell’occasione della presentazione delle analisi conclusive del progetto GESOVIT (finanziato dal PSR 2014/2020 della Regione Friuli Venezia Giulia) a Rauscedo (PN), la città “vivaio”, dove si producono le barbatelle per tutto il mondo. L’attività ha visto l’impegno congiunto di aziende vitivinicole friulane (Cantina Rauscedo, Lorenzonetto cav. Guido, I Magredi e Genagricola), di CREA Viticoltura-Enologia e Perleuve, altri enti di ricerca e del Consorzio della DOC Prosecco.


Le sperimentazioni poste in essere hanno portato alla nascita, attraverso GESOVIT, di nuovi protocolli e di inedite forme di gestione del vigneto per un più efficiente impiego delle risorse idriche e un utilizzo più contenuto di fitofarmaci e fertilizzanti, protocolli che probabilmente potranno essere propedeutici all’ottenimento della certificazione di sostenibilità ambientale sia della singola azienda vitivinicola che dell’intera Denominazione DOC Prosecco.
Vediamoli in breve sintesi:

  • Approcci integrati per la difesa a ridotto impatto ambientale

L’integrazione di diversi modelli previsionali e il costante monitoraggio in campo hanno portato a ottenere lo stesso livello quali-quantitativo delle uve rispetto al test della gestione aziendale convenzionale, riducendo però il numero di trattamenti, in media, del 36%.

  • Biocontrollo del mal dell’Esca

Per la prima volta in vigneto si sono utilizzati dei ‘consorzi microbici ad hoc’ con l’intento di favorire da un lato crescita e difesa di barbatelle in pieno campo, dall’altro la formulazione di comunità antagoniste nel suolo dei principali patogeni dell’esca isolati dai tessuti di vite.

  • Nutrizione sostenibile della Vite

La prova con concime a rilascio controllato ha permesso di ridurre le perdite di azoto nel terreno e, quindi, di ridurre gli input da parte degli operatori.

  • Gestione del sottofila con erbicidi naturali e approcci alternativi al diserbo chimico

Le sperimentazioni hanno permesso di individuare nell’estratto vegetale della pianta Ailanto un possibile erbicida naturale da integrare con la lavorazione meccanica.
Inoltre è stato sviluppato un prototipo per il diserbo localizzato in prossimità del ceppo, con il quale è stato riscontrato un risparmio del 67% di prodotto

  • Nuovi sistemi di supporto all’irrigazione in vigneto

È stata dimostrata l’efficacia di un innovativo sistema di supporto decisionale, comprensivo di termo-videocamera, per l’individuazione del corretto periodo di irrigazione del vigneto, secondo l’effettivo stato idrico della pianta, evitando inutili sprechi di acqua.
“In estrema sintesi – precisa il presidente della DOC Prosecco, Stefano Zanette – le sperimentazioni hanno evidenziato come una viticoltura innovativa possa adempiere alla funzione di ridurre gli impatti ambientali in agricoltura salvaguardando quantità e qualità del raccolto. La tecnologia è certamente un prezioso aiuto per il viticoltore, ma solo con un attento intervento del fattore umano si è potuti arrivare a questi apprezzabili risultati”.
La sfida ora sarà procedere con l’attuazione pratica di questi protocolli, ma se il buon giorno si vede dal mattino…

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

VERONA, FIERAGRICOLA TECH (1-2/2): L’AGRICOLTURA DEL FUTURO TRA INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SOSTENIBILITÀ

VERONA, FIERAGRICOLA TECH (1-2/2): L’AGRICOLTURA DEL FUTURO TRA INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SOSTENIBILITÀ

METEO, FREDDO, ARRIVANO I GIORNI DELLA MERLA…

METEO, FREDDO, ARRIVANO I GIORNI DELLA MERLA…

SVILUPPO PARCHI E AMBIENTE, L’AGRICOLTURA C’È

SVILUPPO PARCHI E AMBIENTE, L’AGRICOLTURA C’È

RECORD CHAMPAGNE, MA GIÙ DENTRO, SU FUORI

RECORD CHAMPAGNE, MA GIÙ DENTRO, SU FUORI

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Green Telling Channel

GREEN TELLING CHANNEL

Meteo