RISO ITALIANO, QUALITA’, L’IMPORTANZA DELLA  CERTIFICAZIONE DELLE SEMENTI

RISO ITALIANO, QUALITA’, L’IMPORTANZA DELLA CERTIFICAZIONE DELLE SEMENTI

Sono stati oltre 444.000 i quintali certificati di sementi di riso nel 2020. Valore mai così elevato registrato negli ultimi 7 anni, con un ottimo coefficiente di utilizzo di semente certificata pari a 1,62, in linea con quello del 2019. Si può ipotizzare, infatti, che il seme aziendale sia riutilizzato nel 20/25% dei casi. Questo è quanto emerge oggi, in occasione della consueta riunione annuale sulla Certificazione delle sementi di riso e attività sperimentale – Campagna 2020-21, che il CREA, Difesa e Certificazione, organizza da oltre 40 anni in collaborazione con l’Ente Nazionale Risi.  

Il dato da sottolineare riguarda le superfici certificate, che ammontano a 9.800 ettari, circa 200 ettari in meno rispetto all’anno precedente, elemento che non comprometterà però i quantitativi certificabili nell’attuale campagna di semina. Il gruppo “tondo”rappresenta circa il30% delle superfici approvate, e le principali varietà sono Selenio, Centauro, Sole CL e Terra CL; mentre il gruppo medio costituisce il 3,5% con Vialone nano. Per quanto riguarda le varietà del gruppo Lungo A, quelle da parboiled sono poco meno del 20%, Ronaldo, Leonardo, Dardo e Luna CL come principali varietà, mentre quelle da interno rappresentano il 32% e tra le varietà si osserva l’ascesa di Cammeo, CL388 e Barone CL,  e il calo di Volano, Baldo e Carnaroli. Il gruppo Lungo B, infine, segna un drastico calo, circa 800 ettari in meno rispetto allo scorso anno. «Esaminando i dati della campagna di certificazione mi preme segnalare – ha dichiarato Luigi Tamborini, ricercatore del CREA Difesa e Certificazione – l’aumento delle superfici, e di conseguenza della produzione di sementi, di varietà con tecnologia Clearfield, (ovvero con resistenza ad uno specifico diserbante totale, oltre il 40 % del totale delle superfici certificate nel 2020), la riduzione delle varietà a pericarpo colorato (da consumarsi come integrali) e la riduzione delle varietà con superfici importanti (oltre i 200 ettari) certificate: il 70 % della produzione è rappresentato da solo 20 varietà (a fronte delle oltre 130 certificate)».     Molteplici ed interessanti, inoltre, le attività di ricerca – presentate durante l’incontro – sviluppate dal CREA Difesa e Certificazione. In particolar modo, si tratta principalmente della caratterizzazione delle varietà di riso italiane, con specifica attenzione alla produttività e alla resistenza alla principale fitopatologia della coltura, il brusone del riso. Infine, si è discusso della verifica, in agricoltura biologica, dell’efficacia di alcuni composti derivati da oli essenziali utilizzati per la concia delle sementi (applicazione sulla semente di prodotti autorizzati per contrastare patogeni e parassiti durante la germinazione e i primi stadi di sviluppo della pianta). Un significativo passo avanti nell’individuare nuove sostanze utili al risanamento delle sementi, ammissibili in conformità al disciplinare di produzione biologica. 

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

SUL 10% DELLE SPIAGGIE ITALIANE SVENTOLA LA BANDIERA BLU

SUL 10% DELLE SPIAGGIE ITALIANE SVENTOLA LA BANDIERA BLU

UGENTO (LE), 300 ETTARI DI ULIVO IN FIAMME

UGENTO (LE), 300 ETTARI DI ULIVO IN FIAMME

PIRANDELLO, NASCE “1934” PER CELEBRARE IL NOBEL AL DRAMMATURGO AGRIGENTINO

PIRANDELLO, NASCE “1934” PER CELEBRARE IL NOBEL AL DRAMMATURGO AGRIGENTINO

CARNI E SALUMI, RUGGERO LENTI NUOVO PRESIDENTE ASSICA

CARNI E SALUMI, RUGGERO LENTI NUOVO PRESIDENTE ASSICA

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Green Telling Channel

Meteo