CANTINA VALPOLICELLA NEGRAR (VR), CRESCE IN FATTURATO, STRUTTURE E SOSTENIBILITÀ

CANTINA VALPOLICELLA NEGRAR (VR), CRESCE IN FATTURATO, STRUTTURE E SOSTENIBILITÀ

Aumenti del costo della vita e inflazione oscurano l’orizzonte del 2022, ma non a Negrar (VR, in Valpolicella), dove splende il sole. È tempo di bilanci anche per Cantina Valpolicella Negrar, che chiude l’esercizio 2020/21 nel miglior modo possibile, con una crescita del 14% rispetto l’anno precedente e un fatturato consolidato di 43.200.000 euro. La crescita del fatturato si deve al mix “nuovi mercati, Gdo e on-line”, che negli anni della pandemia ha premiato le cantine che hanno saputo gestirlo al meglio, compensando l’inevitabile calo subito dal canale ristorazione, per la coop vinicola veronese pari ad un -30%. Conferma Daniele Accordini, enologo e DG: “Oltre ad aver consolidato i nostri mercati di riferimento – Germania e monopoli nord europei – abbiamo instaurato nuovi rapporti economici con Bielorussia, Azerbaigian, Brasile, Guatemala, Messico, Cipro, Repubblica Ceca e Romania. Le vendite nella grande distribuzione sono cresciute in valore e volume (+25 %), in quanto c’è una maggiore richiesta di vini di fascia medio-alta. L’e-commerce è letteralmente esploso, segnando un +350%”.
Vino sempre più sostenibile.
Altro cambiamento irreversibile è l’accelarazione della digitalizzazione, che ha portato a nuove modalità di approccio ai clienti. “Facciamo via web anche degustazioni, alcune in notturna, con Argentina, Brasile, Stati Uniti. Il contatto personale è sempre importante perché il vino ha bisogno di socialità, ma in questo modo il vino è diventato anche più sostenibile”, chiosa Accordini. Sostenibilità, un vanto per la cooperativa, primo produttore di vini bio per estensione di vigneti in Valpolicella: su un totale di oltre 700 ha, dai 139 ha del 2020, nel 2021 il vigneto organico è arrivato a cica 150 tra ettari certificati e in conversione, ora anche nel territorio del Bardolino.
Un nuovo investimento a San Pietro in Cariano (VR).
Si tratta di uno stabilimento di 5mila mq per la messa a riposo di uve per l’Amarone e il Recioto. “Un investimento, afferma orgoglioso Renzo Bighignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar, fatto per dar maggior valore al lavoro dei nostri 244 soci e all’azienda. Dai 4mila q.li di uve messi in appassimento nel 1990, siamo arrivati nel 2021 a metterne oltre 30mila. Numeri che parlano di come la cantina sia diventata nel tempo un punto di riferimento nella pratica di questa tecnica millenaria”.

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

IL CAFFÈ AL BAR, CANDIDATO A PATRIMONIO UNESCO

IL CAFFÈ AL BAR, CANDIDATO A PATRIMONIO UNESCO

CERTICAZIONE, CSQA GUARDA ALLA FORMAZIONE

CERTICAZIONE, CSQA GUARDA ALLA FORMAZIONE

WOLD PIZZA DAY ANCHE “A KM 0 VENET0”

WOLD PIZZA DAY ANCHE “A KM 0 VENET0”

MACCHINE AGRICOLE OK, MERCATO IN CRESCITA NEL 2021

MACCHINE AGRICOLE OK, MERCATO IN CRESCITA NEL 2021

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Green Telling Channel

GREEN TELLING CHANNEL

 

Meteo