UN BUON EXTRAVERGINE? ECCO LA GUIDA SLOW FOOD

UN BUON EXTRAVERGINE? ECCO LA GUIDA SLOW FOOD

179 novità assolute; 259 riconoscimenti (Grande Olio, contraddistinto dal simbolo di un’oliva e Grande Olio Slow indicato con la dicitura “Slow”); 36 chiocciole, riconoscimento alle aziende, e non all’olio, che interpretano i valori di Slow Food; 168 oli riconosciuti come Presidi Slow Food.  “Guida agli Extravergini 2021” (a cura di Slow Food Italia,  www.slowfoodeditore.it  pagine: 480; prezzo al pubblico: € 16,50; online: 15,68; soci Slow Food: 13,20) è un agile volumetto che segnala 838 aziende e 1328 oli di qualità, utile per avvicinarsi al complesso mondo degli oli extravergini.  A dire il vero quelli “assaggiati” sono stati circa 1500, a dimostrazione di quanto larga sia oggi l’offerta olivicola nazionale, che copre quasi tutto il territorio della penisola. Infatti Slow Food si è valso della collaborazione di oltre 100 collaboratori per questa iniziativa. A emergere dagli assaggi, oltre alla qualità diffusa, è sicuramente la grande vitalità e l’attenzione del comparto per le varietà autoctone: molti i monovarietali, tutti lavorati con grande accuratezza ed eccellenza, frutto talvolta di una certosina e lodevole opera di recupero locale. La Guida presenta gli olii segnalati regione per regione, partendo dal Nord, poi Centro e Sud, infine le isole.   Ma com’è andata la campagna 2020? Secondo calcoli elaborati da Ismea e Unaprol, la produzione di quest’anno, cioè il risultato della raccolta dell’autunno 2020, si è assestata sulle 255mila tonnellate, con un calo del 30% sul 2019. A trainare verso il basso le rese è stata la pronunciata riduzione del raccolto nel sud Italia (Puglia e Calabria in testa), a causa dell’annata di scarica e di dannosi eventi atmosferici e fitosanitari, non compensata dai buoni risultati del centro-nord. Qualitativamente invece la raccolta 2020 si conferma buona. Nonostante queste difficoltà generali, la Guida registra alcuni trend interessanti. Il numero delle aziende recensite è aumentato e si registra, in molte regioni, una crescita dei giovani imprenditori, insieme a un incremento di chi opera in regime biologico e di coloro che hanno deciso di bandire dai propri terreni i prodotti di sintesi.   Il progetto promuove anche il valore ambientale, paesaggistico, salutistico ed economico dell’olio, che tutela oliveti antichi e cultivar autoctone, segnalate alla fine di ogni presentazine di regione. Ma sul volumetto Slow Food ci sono altre piacevoli sorprese come la foglia che indica l’olio certificato biologico e il carrello che segnala le aziende organizzate per la vendita online, oltre alle aziende che offrono servizio di ristorazione (ben 266, identificabili con l’icona del piatto) e la possibilità di pernottamento (360, indicate con il simbolo della casa), utili riferimenti in questo periodo di ripristino (forse) di una normalità che manca a tutti sempre più. 

Share:

Pubblicazione1

Related Posts

SUL 10% DELLE SPIAGGIE ITALIANE SVENTOLA LA BANDIERA BLU

SUL 10% DELLE SPIAGGIE ITALIANE SVENTOLA LA BANDIERA BLU

UGENTO (LE), 300 ETTARI DI ULIVO IN FIAMME

UGENTO (LE), 300 ETTARI DI ULIVO IN FIAMME

PIRANDELLO, NASCE “1934” PER CELEBRARE IL NOBEL AL DRAMMATURGO AGRIGENTINO

PIRANDELLO, NASCE “1934” PER CELEBRARE IL NOBEL AL DRAMMATURGO AGRIGENTINO

CARNI E SALUMI, RUGGERO LENTI NUOVO PRESIDENTE ASSICA

CARNI E SALUMI, RUGGERO LENTI NUOVO PRESIDENTE ASSICA

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Green Telling Channel

Meteo